Ecco una ricetta che unisce gusto, bellezza e benessere, secondo la visione di Giuseppe Vigna, chef a Villa Palazzo Aminta. Un tempura leggero come l'acqua e delicato come un fiore. Fra i segreti per renderlo soffice come una nuvola, acqua Valverde frizzante ben ghiacciata nella pastella. Provate la ricetta e per conoscere da vicino lo chef , che l'ha ideata leggete l'intervista.

FIORI DI SAMBUCO E ACACIA IN TEMPURA CON ZABAIONE ALL’ACETO DI MELE

Ingredienti per 4 persone

per la tempura

100 gr di fiori di sambuco e acacia a ciuffetti - 100 gr farina tipo “0” - 50 gr di fecola di patate - 1 dl di acqua minerale Valverde frizzante fredda - 2 l olio di semi per frittura

per lo zabaione

1dl di aceto di mele - 5 grani di pepe schiacciati - 1 scalogno - 2 tuorli di uovo - 50 gr panna fresca - sale q.b.

Preparazione

Per lo zabaione unite l'aceto, lo scalogno tritato e il pepe e riducetelo della metà a fuoco lento. Filtratelo e versatelo a caldo sopra i tuorli d’uovo, che monterete poi a bagno maria con una frusta. Nel frattempo fate ridurre della metà a fuoco lento anche la panna e aggiungetela ai tuorli montati.

Per la tempura miscelate la farina e la fecola, aggiungete l’acqua minerale frizzante Valverde fredda e con l’aiuto di una frusta rendete il composto liscio e omogeneo. Portate l’olio a 150° C, passate i ciuffi dei fiori nella tempera e friggeteli fino ad ottenere un fiore croccante. Scolateli, salateli a piacere e serviteli caldi con lo zabaione.