In questa terza e ultima parte dell'intervista, Bodha D’Erasmo e Gilda, i due fotografi che hanno firmato l'ultima campagna Valverde, raccontano come sono riusciti a creare immagini l evocative come sogni. Nella galleria qui sopra il backstage, da cui si intuisce il grande lavoro di preparazione che ha portato poi a un risultato così rarefatto e leggero.

Qui la prima e la seconda parte dell'intervista.

Il bianco e il colore. Come intervengono nel vostro lavoro e come li avete usati, in particolare, nella campagna Valverde?

Il bianco per noi è come lo spazio tra due note: non c'è suono, ma quello spazio permette al suono di creare una sensazione, di diventare musica e piacere. Senza quello spazio spesso il suono diventa rumore e non musica. Abbiamo cercato di usare il bianco come spazio e il colore come note, in un percorso minimalista ma non povero. Un ricerca estetica. Il bianco e il colore nel nostro lavoro si intrecciano sempre. Nel progetto per acqua Valverde il colore viene usato per sottolineare la forma e per esaltare il bianco: poco colore, ma preciso e intenso, immerso in un mondo di bianco.

Come avete elaborato il progetto Valverde, qual è il concept?

L'ispirazione del bianco è stata la partenza, il soggetto era “acqua da bere”. Poi, tenendo conto del tema di Expo 2015, incentrato sul cibo, ci è sembrato che gli elementi fossero tutti presenti e che il food dovesse in qualche modo rientrare nel progetto. Inoltre il design è sempre stato per Valverde lo strumento per comunicare la propria identità. Abbiamo unito tutti gli elementi e cercato di estrapolare il “design del food”. Il progetto Acqua Valverde nasce dall'intuizione di astrarre l'acqua e il food da contesti usuali per farli vivere in visioni oniriche, proprio come le immagini dei sogni, dove di frequente gli elementi fluttuano fra mondi conosciuti e mondi che sono altro da noi. In questo mondo onirico, affiora un po' di Italia, vista attraverso oggetti e cibi come fossero ricordi, nei quali il nostro paese si riconosce. Non è un caso che proprio questa edizione EXPO a tema food, sia qui in Italia.