Ecco un nuovo suggerimento di Milly Callegari su come utilizzare l'acqua in cucina per preparare piatti più sani e leggeri, esaltando allo stesso tempo il gusto di ogni singolo ingrediente e preservandone le proprietà nutritive.

Avete mai pensato di marinare le verdure con questo prezioso liquido, abbinando una serie di spezie a piacere? L'acqua estrarrà le parti sapide e quelle zuccherine dei vegetali, permettendo così di ridurre l’aggiunta di sale e zucchero.

Provate subito con questa deliziosa ricetta che unisce finocchi e arancia a tre spezie ricche di sali minerali e di proprietà benefiche come zenzero, curcuma e pepe nero. La marinatura con l'acqua manterrà intatte le virtù tonificanti e digestive dello zenzero, quelle depurative e antiossidanti della curcuma e quelle del pepe nero, attivatore del metabolismo.

Naturalmente, per ottenere un ottimo risultato, ci vuole l'acqua giusta. Leggera e pura come Valverde.

MARINATURA DI VERDURE CON ACQUA MINERALE

Ingredienti

finocchi, carote, zenzero fresco, curcuma fresca, pepe nero, acqua, arance, olio d’oliva, lecitina di soia

Preparazione

Tagliate finemente i finocchi, le carote e le arance. Mettete le verdure in una busta per il sottovuoto insieme all’acqua, alla curcuma, allo zenzero grattugiato e al pepe nero in polvere. Le dosi sono a discrezione del vostro gusto. Create il sottovuoto e se non fosse possibile chiudete il sacchetto facendo uscire piu’ aria possibile. Lasciate macerare per tutta una notte o per almeno 5/6 ore.

Ora colate le verdure e frullate il liquido, emulsionando. Potete aggiungere un cucchiaino di lecitina di soia per circa 500 ml di liquido, in modo da ottenere un’emulsione più stabile. La lecitina svolge la funzione di un tuorlo d’uovo.

Aggiungete alle verdure marinate l’arancia a fettine e se lo gradite anche dell’insalata. Condite con l’emulsione ottenuta e infine con una generosa spolverata di pepe nero in polvere, che oltre ad aromatizzare potenzia l’azione della curcumina. Completate con un filo d’olio per veicolare le parti liposolubili degli alimenti.